13 NOVEMBRE 2014 … ALCUNI MOMENTI DELL’INAUGURAZIONE ALL’OSPEDALE DI IMPERIA…

INAUGURATA OGGI ‘LA STANZA DI JACOPO’ presso l’ospedale di Imperia: luogo destinato ai familiari

Imperia – La speranza è che altre ‘Stanze di Jacopo’ possano presto essere allestite in ogni ospedale. Una quinta stanza sarà pronta a breve a Mestre. altre sono già in progetto

Un appartamento in miniatura dotato di cucina, tavolo, sedie, divano, bagno e televisore, un punto di riferimento per i familiari dei pazienti, ricoverati in un qualsiasi reparto della struttura, costretti a vivere situazioni di grande sofferenza a causa del quadro clinico dei loro cari. “Un luogo in cui recuperare la propria dignità e vivere le proprie emozioni o semplicemente cambiarsi di abito”, con queste parole la mamma di Jacopo ha spiegato il fine del progetto. Oggi alle ore 17.30, presso l’Ospedale di imperia, al terzo piano, sopra il reparto dialisi (di fronte all’ingresso del Pronto Soccorso) è stata, infatti, inaugurata la “STANZA DI JACOPO”, un locale di accoglienza allestito su iniziativa della omonima onlus, il cui Presidente e’ il dottor Gabriele Lalatta Costerbosa, con la collaborazione della D.G. ASL 1 (Prof Cotellessa/ Dott Pagliari) in memoria del giovane imperiese, nato proprio in questo periodo ospedale venticinque anni fa e deceduto a Londra nel 2010 dopo un periodo trascorso in coma. Tantissime le persone che hanno presenziato, dai dottori agli elettricisti e agli idraulici che hanno fornito un contributo, passando per tutti gli amici di Jacopo ed i numerosi sostenitori, locali e non. Si tratta di un’importante una iniziativa di carattere umanitario rivolta a chi deve necessariamente assistere un proprio caro ricoverato in condizioni di emergenza. Chi lo desidera può conoscere più a fondo il progetto “Stanza di Jacopo” visionando il sito internet www.lastanzadijacopo.org o la relativa pagina facebook. La prima stanza venne inaugurata ad Andora e la quinta sarà pronta a breve a Mestre. La speranza degli ideatori dell’iniziativa è quella di poterne allestirne una all’interno di ogni ospedale. La stanza di Jacopo o.n.l.u.s. è un’associazione no profit nata allo scopo di offrire sollievo alle persone che si trovano ad assistere un proprio caro in situazioni di emergenza, creando piccole oasi di accoglienza all’interno delle strutture ospedaliere.
Con fondi propri e donazioni, l’organizzazione fornisce agli ospedali e case di cura che ne fanno richiesta l’allestimento di un kit completo per arredare e rendere confortevole un locale interno, la “Stanza di Jacopo”, anche di minime dimensioni, ma il più possibile vicino al malato. Un luogo di riposo e di primo conforto riservato ai familiari dei ricoverati. L’associazione chiede agli Enti Ospedalieri aderenti di individuare il locale idoneo a diventare “La Stanza di Jacopo”, la realizza e coopera nell’impegno di conservarla sempre accogliente. Potrà servire per poche ore o per una o due notti, in attesa di organizzarsi per una lunga degenza. Potrà e dovrà essere condivisa, se indispensabile. Potrà essere richiesta in esclusiva per il tempo di un colloquio o per un cambio d’abito o, semplicemente, per sdraiarsi e chiudere gli occhi, in silenzio, su di un divano: per isolarsi e sfuggire all’invadenza del mondo, mentre il mondo sembra crollare.
Per piangere, pregare, sperare e attendere una gioia. Nessun compenso è richiesto, chi vorrà e potrà, farà una donazione. Non ci sono liste di priorità poiché non esiste una graduatoria del dolore.

Imperia: inaugurata ieri all’ospedale ‘La stanza di Jacopo’ dedicata al giovane imperiese scomparso nel 2010

E’ stata inaugurata ieri, giovedì 13 novembre, al terzo piano della palazzina laterale dell’Ospedale di Imperia “La stanza di Jacopo”.

 

 

 

Dopo gli ospedali di Savona e di Venezia, anche la struttura ospedaliera di Imperia può offrire questa oasi di accoglienza, per dare  sollievo alle persone che si trovano ad assistere un proprio caro in situazioni di emergenza.

Il progetto della “La stanza di Jacopo” nasce dalla volontà della famiglia e degli amici di Jacopo Corradi Tocchio, un ragazzo imperiese (che il 13 novembre avrebbe proprio compiuto 25 anni), mancato a Londra improvvisamente per una crisi asmatica nel  Natale del 2010. La sua storia è così diventata attenzione speciale da parte delle famiglie, con un familiare in pericolo di  vita, che si trovano ad affrontare momenti molto delicati ove il  dolore e lo stress giunti in modo improvviso fanno passare ogni altra  preoccupazione in secondo piano.

La stanza di Jacopo” con un allestimento di grande razionalità,  durevolezza, essenzialità  è realizzata nel massimo confort e dignità perchè le famiglie possano trovare un luogo ove recuperare forze  usufruendo di un divano, un’area con piccoli elettrodimestici ed un arredamento essenziale utili in un momento in cui l’attesa delle notizie è l’unica preoccupazione. I locali, messi a disposizione dall’ASL, sono stati arredati  dall’Associazione La stanza di Jacopo con l’aiuto di diversi sponsor, con il  desiderio di diffondere anche in altre strutture ospedaliere altre “Stanze di Jacopo” e chi desiderasse sostenerla può  trovare ogni indicazione sul sito www.lastanzadijacopo.org.

Sanremo news 14/11/2014

A PEPPE CLEMENTE E’ DEDICATA “La Stanza di Jacopo”

DSC_0012

A PEPPE CLEMENTE E’ DEDICATA “La Stanza di Jacopo” inaugurata ieri all’Ospedale Civico di Venezia, queste le parole che abbiamo tracciato sul Libro degli Ospiti:

Con dolcezza e grande affetto dedichiamo a PEPPE questa “Stanza di Jacopo”; è stato tra i primi ad aver accolto la mia richiesta di collaborazione ed aiuto per dare vita a questa Associazione.
Con grande umanità e sensibilità ha creato l‘immagine che contraddistingue la nostra Associazione e ci accompagna in questo nostro operare.
L’Uomo, l’Artista, l’Amico è presente qui con una sua opera, siamo grati ad Alessandra per questo dono e, con un grande abbraccio, lo ricordiamo con la poesia che Lui ha scelto per salutarci.
Grazie Peppe.

Morire come le allodole assetate
sul miraggio

O come la quaglia
passato il mare
nei primi cespugli
perché di volare
non ha più voglia

Ma non vivere di lamento
come un cardellino accecato

Da “L’allegria” Giuseppe Ungaretti
Agonia

DSC_0006

Una stanza per i familiari dei malati in memoria di Jacopo VENEZIA. Nell’area del pronto soccorso dell’Ospedale Civile è stata inaugurata ieri una stanza che darà ospitalità a chi si troverà a vivere momenti difficili. È stata chiamata la Stanza di Jacopo, e…

VENEZIA. Nell’area del pronto soccorso dell’Ospedale Civile è stata inaugurata ieri una stanza che darà ospitalità a chi si troverà a vivere momenti difficili. È stata chiamata la Stanza di Jacopo, e conserva questo nome in memoria del giovane deceduto in un ospedale di Londra. «Quella stanza è stata per noi» racconta durante la piccola cerimonia al Civile «un luogo di sosta, di isolamento, di preghiera. Ci ha permesso di stare da soli e di riflettere. Da quella esperienza, ci siamo convinti che il modo migliore per ricordare Jacopo sia dotare anche altri ospedali di un luogo simile, dedicato alla privacy e al dolore dei familiari di chi soffre».

«L’idea di un luogo che vada incontro al dolore, che accolga e conforti» ha spiegato il direttore generale Giuseppe Dal Ben «riassume lo stile con cui l’Asl 12 si sforza di assolvere al proprio ruolo, con grande attenzione per le persone che si rivolgono come utenti, in ogni modo, al servizio sanitario. Per questo ho accolto con favore l’idea di realizzare qui la “Stanza di Jacopo”, che presto apriremo anche all’ospedale di Mestre”. Il locale è stato arredato dall’omonima associazione onlus.

INAUGURATA LA “LA STANZA DI JACOPO” ALL’OSPEDALE SAN PAOLO DI SAVONA

LE PAROLE DI LIVIO DI TULLIO, VICE SINDACO DI SAVONA

La stanza di Jacopo
29 settembre 2014
livio di tullio – vicesindaco di Savona

Stamane ho partecipato all’inaugurazione della stanza di Jacopo in Ospedale a Savona. Nel 2010 i genitori di Jacopo ricevono una telefonata da amici inglesi. Jacopo si trova a Londra per studio e lavoro, si è sentito male ed è stato ricoverato in un ospedale dove poco dopo morirà . Nel dolore terribile i genitori sono però colpiti dall’accoglienza dell’ospedale.
Viene loro assegnata una stanza dove possono attendere gli sviluppi degli eventi, parlare con i medici in riservatezza e poi raccogliersi nel dolore. Decidono di fondare una Associazione , “la stanza di Jacopo” che si propone di diffondere anche negli ospedali italiani un simile luogo, per venire incontro anche allo stato d’animo dei parenti colpiti da tragedie come questa. La prima stanza di Jacopo si realizza a Savona presso il reparto di pediatria per iniziativa del Dott. Cohen e poi oggi, anche con l’aiuto dell’Associazione di volontariato ASSFAD e alla disponibilità dell’ASL 2, nel San Paolo, con una stanza bellissima , piena di luce e calore all’ottavo piano del monoblocco . Davvero di cuore un grazie a chi, come l’ASL, ha colto l’importanza anche della umanizzazione della presenza in Ospedale e ai genitori , che da una tragedia che li ha colpiti , hanno trovato comunque il modo di proporre qualcosa di nuovo e di positivo. Infine un grazie al volontariato, a chi ogni giorno dà qualcosa di suo per tutti.

 

DONO DEL CERAMISTA DANILO TROGU

…in alcune culture lo spirito del geco insegna all’uomo come affrontare le difficoltà e gli ostacoli dell’esistenza per riuscire a sopravvivere senza venirne schiacciato inesorabilmente.
…Il geco insegna a trovare quella forza interiore necessaria a superare i momenti bui e pesanti dell’esistenza.

“è con questo spirito che questo geco rosso, una bella ceramica donata dall’artista Danilo Trogu di Albisola, si arrampica sulla parete”
…grazie…


 

SALUTO PER UN CARO AMICO

Caro Peppe, grazie!
Hai dato vita all’immagine di questa associazione con generosità e grande affetto; ci accompagnerà sempre e, ogni traguardo che verrà raggiunto, parlerà anche in tuo nome.
R.I.P.

PEPPE

LA SECONDA STANZA DI JACOPO ALL’OSPEDALE DI SAVONA

Lunedi 29 Settembre 2014 alle ore 12 si inaugura la Seconda “Stanza di Jacopo” dell’Ospedale S. Paolo di Savona, al reparto di Gastroentorologia, ottavo piano del monoblocco.
La Stampa venerdi 26 settembre 2014